domenica 11 dicembre 2011

Torta di Avalon

Questa è la ricetta di un dolce davvero speciale, che ho sempre amato profondamente e che preparo solo in determinati periodi dell'anno.
L'originale mi fu donata in segno d'amicizia dalle Fate del bosco, durante un loro ritrovo segreto per l'Equinozio d'Autunno, al quale fui cortesemente invitata. Mi dissero che avrei dovuto prepararlo in un giorno di Luna crescente e che una parte del dolce sarebbe poi andata a loro come offerta, durante la fase piena della Luna. Mi diedero indicazioni molto dettagliate a riguardo, in quanto, dissero, "questo è cibo fatato", fatto con uno dei frutti a loro più cari in assoluto... le mele. La mela, come molti di voi sapranno, è il frutto di Avalon per eccellenza, dal quale la stessa Isola Sacra ha preso il nome. Vi sarebbe molto da dire su questo frutto e sulle sue profonde simbologie, ma di questo parleremo più avanti... accontentatevi della ricetta, per ora. Ricordo che mi fu spiegato l'ordine preciso degli ingredienti, come unirli e mescolarli tra loro, e soprattutto lo stato d'animo che in quel momento avrei dovuto possedere. Non stavo preparando soltanto una torta, bensì stavo compiendo un vero e proprio atto di Magia, e questo in realtà vale per tutto ciò che si cucina; gli alimenti, di qualsiasi origine siano, hanno la tendenza ad assorbire le energie che scorrono in noi nel momento in cui li tocchiamo, perciò sarebbe saggio e salutare cucinare sempre con il cuore leggero, la mente aperta e lo spirito vigile. Per facilitarmi il compito chiesi loro di poter prendere appunti, ma esse me lo negarono: dovevo imparare il tutto a memoria, come tradizione insegna. Una volta a casa avrei potuto scrivere la ricetta, ma solo dopo averla cucinata almeno una volta.
Così, passai quella notte d'autunno tra le creature fatate, inebriandomi di sidro e bevande incantate, danzando tra le fronde ramate degli alberi sotto una fredda Luna di ghiaccio, imparando nuove magie che poi avrei portato nel mondo. Poco prima dell'alba, com'è consuetudine, mi allontanai dal luogo del ritrovo, prima che i raggi del sole facessero sparire del tutto l'eterea compagnia. Durante il tragitto ripassai a memoria più e più volte ciò che mi avevano insegnato, e questa che segue, appunto, è la ricetta della torta delle Fate.
Preparatevi, state per compiere un piccolo rituale di magia...



Ingredienti:

200 gr di farina semintegrale
50 gr di farina di miglio
1 cucchiaino di cremor tartaro
1 cucchiaino di bicarbonato
80 gr di zucchero di canna
3 cucchiai di olio evo ligure
200 ml di latte di soia (o succo di mela, consigliatissimo!)
2 cucchiai di malto di mais
2 manciate di uvetta
2 mele rosse piccole (250 gr circa, senza torsolo)
1/2 cucchiaino da caffè di cannella e vaniglia in polvere

Tagliare la mela a cubetti, senza sbucciarla, e metterla da parte assieme all'uvetta, coprendo il tutto perchè non prenda troppa aria. La presenza della buccia non si sentirà nemmeno, durante la cottura tenderà a diventare molto morbida dando alla torta delle deliziose sfumature rossastre, nonchè un aspetto molto più rustico.
In una ciotola versare la farina semintegrale e quella di miglio, mescolando attentamente con le mani. Aggiungere poi lo zucchero, mescolare, e unire il cremor tartaro con il bicarbonato. Aggiungere le spezie, sempre mescolando con le mani. Mi raccomando, siate attente a ciò che pensate e provate... le mani sono potenti conduttori di energie, quindi concentratevi su pensieri positivi! Ora potete versare i liquidi: fate un buco al centro e aggiungete prima il malto, poi l'olio e in ultimo il latte a filo. Se volete potete usare anche qui le mani, ma se vi turba l'idea di impiastricciarvi direi che il classico frullino vada più che bene :) amalgamare accuratamente il tutto, per non formare grumi. A questo punto aggiungere la frutta, versare l'impasto ottenuto in una tortiera rivestita di carta da forno (sempre inumidita e strizzata) e cuocere a 175° per 40 minuti.
A torta fredda, se volete potete lucidarne la superficie spennellandovi un poco di marmellata di albicocche o una soluzione di acqua e malto (una parte di acqua, due di malto). Ma anche al naturale vi assicuro che fa la sua splendida figura...
Gustare questa meraviglia con un bicchiere di buon sidro biologico, oppure con un delicato tè alla mela.

Questa ricetta la dedico a te, mia piccola Luna, che hai portato Luce e Amore nella mia vita per cinque meravigliosi anni. Amo pensare che in questo momento tu stia danzando con le Fate, alla luce di quella gelida Luna Piena di Samhain che ti ha vista allontanarti per sempre da me.
Sarai sempre la mia bimba bella, la gioia immensa del mio cuore...



11 assaggi:

Mimi` ha detto...

Stasera avevo proprio voglia di fare una torta alle mele! Ho preso spunto dalla ricetta delle fate, ma a me han suggerito un po` di modifiche, visto che non avevo i tuoi stessi ingredienti...e` venuta comunque morbida e buonissima e la tua gatta poi e` un incanto! Sono sicura che continua a scodinzolare accanto a te :) Un bacione e a presto!

Crevice Weeds ha detto...

Grazie della visita al mio blogghino, carissima Leanan. Mi ha fatto molto, molto piacere. :) Sono molto contento che tu l’abbia trovato accogliente. E grazie anche per il link! Da tanto devo aggiornare i miei, e ricambierò senz’altro. Anche se sono silenzioso, seguo sempre i tuoi blog. Che ricette appetitose, qui, e come sempre, racconti che incantano. :)) Tornerò molto volentieri a trovarti. Vedo la tua Luna danzare con le Fate, come la mia Selina… Un abbraccio. Alessandro

gio ha detto...

con tali ingredienti sarà sicuramente buona, seguirò le tue indicazione e al momento buono cercherò di farla,seguirò il tuo consiglio di cucinare con gioia
grazie di cuore il tuo messaggio è un passo avanti del mio cammino Gio

Mimi` ha detto...

Ma secondo me invece sei molto piu` brava tu ai fornelli, da quel che vedo :)
Io di solito uso quello che ho in casa e gli ingredienti che devo finire quindi ad esempio ho usato la farina di riso al posto di quella di miglio e il malto d'orzo e l'olio di riso. Ho usato il succo d'uva e ho aggiunto un paio di mandorle tagliate a pezzettini piccini piccini...se non ricordo male era piu` o meno cosi` ;) un po` informe forse perche` non ho usato proprio lo stampo adatto, ma buona buona! E` stata spazzolata eheh

Syama ha detto...

ma dai,sei anche su Veganbloggg!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!io lo consulto spessissimo!baciniiiii

Arianna ha detto...

La mela è un frutto a me molto caro...leggerti mi fa venire un po' di nostalgia. Grazie per la ricetta :-)

Amos Gitai ha detto...

Augurandoti buone feste, invito te e i tuoi visitatori a votare i migliori film e attori del 2011. Dato che hai un blog di cinema, ti ricordo di votare anche nella sezione apposita.

FILM 2011

lA SIGNORA DEL BOSCO ha detto...

Ciao,
bello incontrarti così per caso..
Magia e cucina...Cucina è magia.
Vieni a trovarmi se ti va ...
lasignoradelbosco.blogspot.com
lacuocamarzolina.blogspot.com

Lorella ha detto...

Ciao , son capitata sul tuo blog per caso e mi piace davvero molto.
Io non ho la passione per la cucina ma per Avalon si, e anche per i gatti. Anch'io ho perso la mia adorata micia che è stata con me per più di 22 anni, perciò ti capisco. Il mecetto che ho attualmente è quasi identico alla tua Luna, ma i suoi occhi son color ambra.
Un abbraccio e buon anno.

Niviane ha detto...

Deve essere una delizia!!!
Ma sei una cuoca strepitosa!!

E che dolcezza il tuo micetto *.*

Felice giorno della vecchina con la scopa piena di doni e dolcetti, e felicissimo 2012

baci

Poseidone ha detto...

Al più presto inizierò a cucinare, ho già qualche ricetta in mente; proverò anche questa. Buon 2012
Se vuoi visita il mio blog: http://ilcamminodeinovizi.blogspot.com/